CIMITero | ero dunque sono

CIMITero (ero dunque sono) è un progetto nato per sensibilizzare l’attenzione dei ragazzi e della collettività verso un luogo di memoria – il cimitero – ricco di preziose testimonianze sulla storia della città, eppure assai poco conosciuto dai suoi abitanti.
Le iscrizioni più antiche esposte nell’area monumentale del cimitero guastallese costituiscono talvolta gli unici documenti (in molti casi inediti) disponibili sulla vita di una persona. In tal senso il cimitero, assieme alle sue “scritture ultime”, viene ad essere archivio della comunità, dunque bene da tutelare e valorizzare.
Un centinaio di ragazzi provenienti dall’I.C. “F. Gonzaga” (classi 3A, 3B, 3C, 3D, 3E, 3F della Scuola secondaria di primo grado) e dall’I. “B. Russell” di Guastalla (classi 4A e 4C del Liceo Scientifico) realizzeranno il censimento e la catalogazione di oltre 600 monumenti databili entro l’anno 1920, traducendo le epigrafi latine qui presenti. L’attività catalografica sarà integrata con la ricerca di eventuali fonti documentarie disponibili presso gli archivi locali (Biblioteca Maldotti, Archivio Diocesano e Archivio Comunale di Guastalla) sulle diverse persone ricordate.
I dati raccolti saranno resi fruibili attraverso un sito web di prossima pubblicazione.
Si ringraziano fin da ora tutti coloro che, a vario titolo, collaborano o hanno collaborato per la realizzazione di questo progetto: i ragazzi e i docenti coinvolti (in particolare Paola Cabrini, Maria Elena Bacchi, Raffaella Leonardi, Elena Mauri e Maria Luisa Francesconi), il professor Nicola Criniti, già ordinario di Storia Romana nell’ateneo parmense, per la preziosa consulenza in qualità di epigrafista e ‘tanatologo’, Fausto Franzosi per la documentazione fotografica, Irene Aliatis per la revisione dei dati catalografici, Ivan Cantoni per il commento artistico ai monumenti più significativi, Alessandra Bertelli per la grafica di presentazione del progetto.
Un ringraziamento particolare al Comune di Guastalla e al Rotary Club guastallese sostenitori dell’iniziativa.

Per aggiornamenti e maggiori informazioni visitate la pagina Facebook Cimit’ero – ero dunque sono e il profilo Instagram cimit_ero